NICOLA EVANGELISTI : Lighting hologram di Cynthia Penna

ART1307
Cynthia Penna
NICOLA EVANGELISTI : Lighting hologram

In questa opera della serie strutture spaziali, il vetro e il plexiglas specchiante vengono “incisi” dall’artista dando luogo, grazie alla retroilluminazione, al segno luminescente che costituisce il momento di comunicazione: la “parola”. L’opera procede per livelli di visione: uno grafico in cui la luce si fa segno o, per dirla in termini musicali, fuga di stampo Bachiano; uno di spazialità sovrapposta, come nel caso dell’intersezione degli spazi “pittorici” che allargano lo spazio visivo moltiplicandolo all’infinito; uno di deformazione della visione data dalla curvatura del campo “pittorico” ove lo spettatore viene riflesso in un universo spaziale che simultaneamente diventa cosmico: mentre la superficie specchiante riflette l’immagine che si accosta all’opera, la stessa immagine viene “disturbata”, quasi trafitta, dal segno di luce. L’intersezione dei “campi pittorici” diviene ulteriore momento di comunicazione attraverso la deformazione e moltiplicazione della visione: la moltiplicazione dei piani produce una molteplicità di angoli e di prospettive immergendo l’ambiente circostante in una dimensione spaziale di caos ordinato.

Copertina catalogo 'Light art in Italy'
Opera di Nicola Evangelisti


Torna ai testi critici

 

Pubblicato su: Testo in catalogo 'Light art in Italy' per Nicola Evangelisti